Aedo della Corte della Rosa

 

 

"Ho ritrovato una spilla"

composta da Lord Lovefeeling

 

 

Son passato proprio ier sera là in bacheca davanti a uno scritto
dove curioso una pergamena lessi d’un fiato a capofitto
si parlava di cosa strana: per aver scudi si proponeva lavoro
quale occasione migliore per proporre mie rime e sonoro?

 

Alla piazza mi son recato e ad una colonna lì appoggiato
il mio liuto ho sfoderato e a cantare lì ho cominciato

 

Dovea rallegrar cuor di viandanti o delle nuove terre i pellegrini
nulla importava nessun conoscessi, dovea lavorar per quei tapini
e quando finii il mio esibir…forse sbagliai ma nulla si ottenne
non uno scudo né una moneta, il mio lavoro non portò strenne

 

Ma a Voi lo dico: tornato a Corte ero felice
perchè una dama che non conosco mai vista prima
ferma stette a sentir mio liuto e ascoltò ogni mia rima
e disse “incantata da ciò che Voi siete”, dice

 

“Voi dimostrate che per Voi Musica è Vostra Dea”
Non mi ricordo, forse mi sbaglio: Catelyn il nome
o forse chissà…ma quella dama certo non sapea
quanto mi diede senza neppur immaginar come

 

Per me non ci fu paga più bella
delle parole di quella Signora
lei che non mi avea mai visto e sentito
seppe far dono di sì grande novella

Non c’è moneta o paga che tenga
quando si ha così tanto onore
di esser compreso che quel che si fa’
lo si fa’ col cuore e con tanta passione.