MIDI  Menestrello  MP3

 



" Nati Liberi "
composta da Lord Lovefeeling

 

Quando io sono nato c’era un cielo un poco cupo ed opprimente
e mio padre che aspettava un po’ nervoso proprio fuori dalla tenda
appena udì il vagito o meglio l’urlo di quell’anima innocente
vi corse dentro tutto trafelato per capire la faccenda


Si avvicinò a mia madre che teneva in braccio il suo fagottino
scostò appena un lembo di coperta e guardò meravigliato
e chiese che cos’era mai successo e chi era quel bambino
che potesse diventare padre un giorno non l’aveva calcolato.


Vidi che ad un tratto si grattò stranito il suo capoccione
aprì le sue labbra per parlare e chinò un poco il viso
quello era il tempo di castagne già cambiava la stagione
un bacio allor mi diede sollevandomi e si aprì in un bel sorriso.

´¯`°¤.¸(¯` ´¯)¸.¤°´¯`


Vecchio contadino lui sperava che con il passar del tempo
diventassi un grande aiuto e non soltanto una bocca da sfamare
un po’ più grandicello volle farmi un grandissimo regalo
comprò da un liutaio uno strumento che potessi io suonare.


Ed arrivò il mio tempo di partire e di seguire la mia strada
lui salutò quel figlio impertinente che non lavorava mai
ma non perché soffrissi il lavoro o non amassi la rugiada
ma solo perché il suono del mio liuto lui lo preferiva assai.


Ed ora che son giunto alla fine forse del mio lungo viaggio
seduto sulla riva di un torrente sto scrivendo una missiva
caro padre mio sono arrivato a quello splendido villaggio
di cui Voi parlavate e dicevate che qui c’era gente viva

´¯`°¤.¸(¯` ´¯)¸.¤°´¯`


Ci sono dame belle e c’è un campo che io posso coltivare
e la sera tutti intorno ad un falò qui si può anche ballare
e quella libertà che allora piccolo ancora non capivo
qui è vera ed è sentita non è mai solamente un sostantivo

Qui ho imparato anche a lavorare e la terra a seminare
ci sono amici che sanno ascoltare e il rispetto sanno dare
non c’è stato poi alcun potente che me l’abbia mai impedito
di scrivere col cuore quel che sento e di toccar cielo col dito


Un carro so guidare e preparare pei cavalli un po’ di biada
non l’avreste mai sperato ma alla fine so di esser ritornato
al vecchio mondo antico che amavate più di tutta la contrada
proprio dove Voi eravate libero: dove eravate nato
proprio dove Voi eravate libero: dove eravate nato


proprio dove ognun di noi è libero…. 
come se ci fosse nato. 

(¯`·.(¯`·..´¯`°¤.¸.¤°´¯`·´¯).·´¯)